Veronaoggi.it

Veronaoggi.it

Pubblicità

Bilancio 2019/2020: via ai cantieri della grande Verona

Pin It

Sociale, cultura e turismo, ordine pubblico e sicurezza, opere pubbliche.

Palazzo Barbieri1PTutti i progetti per il 2019 prendono forma e sostanza economica con l’approvazione, nel Consiglio comunale di ieri sera, del bilancio previsionale 2019/2020, con 24 voti favorevoli e 12 contrari.

 Il 2019 è l’anno delle opere pubbliche, finanziate per 27 milioni di euro, una cifra quasi triplicata rispetto agli stanziamenti storici in conto capitale. Inoltre, nel programma triennale d’investimento, crescono le risorse a favore dei quattro settori principali del programma di mandato del sindaco Sboarina: sociale, cultura e turismo, ordine pubblico e sicurezza. Ci sono 8 milioni in più, per una spesa 2019 pari 317 milioni di euro (309 nel 2018), dei quali: 3 milioni a favore di nuovi progetti di sostegno e aiuto sociale; 1 milione 900 mila per iniziative di sviluppo e rilancio di cultura e turismo; 1 milione e 600, per sicurezza territorio e tutela ordine pubblico.

 Il bilancio pareggia nel corrente esercizio a 600.867.837 euro. Invariati i livelli di tassazione per Imu (gettito previsto 2019 pari a 60.900.000), Tasi (25.700.00), Tari (44.776.526) e addizionale Irpef (32.300.000), con uguali tariffe a carico del cittadino, mentre aumenta la previsione di entrate per violazioni al codice della strada, che passano dai 16 milioni del previsionale 2018 ai quasi 20 milioni del 2019. In vigore dal 1° Febbraio gli aumenti sulla tassa di soggiorno, che passa da un range tariffario tra gli 0,50 e i 2 euro ad un minimo di 1,50 ad un massimo di 5 euro.

 Questi, in sintesi, i dati più significativi del bilancio previsionale 2019/2021 presentati questa mattina dal sindaco Federico Sboarina insieme all’assessore al Bilancio Francesca Toffali. Presente il vice sindaco e assessore ai Rapporti con il Consiglio Luca Zanotto, l’assessore all’Urbanistica Ilaria Segala e i consiglieri di maggioranza Paola Bressan, Matteo De Marzi, Daniele Perbellini, Rosario Russo, Nicolò Sesso, Anna Grassi e Mauro Bonato.

 “Il 2019 sarà un anno di grandi lavori – sottolinea il sindaco –. Cominciamo subito a spendere le tante risorse per i molti cantieri da fare quest’anno. Con l’approvazione di ieri abbiamo dato l’avvio, come mai prima, ad uno straordinario programma di interventi a favore della città, con 27 milioni di opere pubbliche che non si vedevano da anni. Questo bilancio è una chiara fotografia dei progetti dell’amministrazione e la realizzazione delle promesse fate ai veronesi, come centro, quartieri, giardini, immobili pubblici, musei e arte. Dopo un anno di lavoro per la costruzione di solide fondamenta su cui operare, come promesso, entriamo con il 2019 nella fase operativa della ‘Grande Verona’ che puntiamo a realizzare. Un bilancio approvato in tempi brevissimi rispetto al passato. In soli due giorni di discussione, con oltre 861 emendamenti collegati, il Consiglio ha approvato il bilancio previsionale 2019/2021, esaminata in un clima di positivo e costruttivo confronto fra tutte le parti politiche presenti in aula”.

 “Il bilancio è stato approvato con un mese d’anticipo rispetto alla scadenza di legge – precisa l’assessore Toffali –, un risultato frutto di un importante lavoro di mediazione e dialogo, portati avanti con tutte le forse politiche presenti in Consiglio. E’ così possibile, già dalla prossima settimana, dare avvio ai finanziamenti dei primi interventi in conto corrente previsti dall’Amministrazione. Ricordo che nel 2019 sono previsti 8 milioni in più di investimenti a favore di sociale, cultura e turismo, ordine pubblico e sicurezza. Risorse importanti frutto di una gestione acculata delle risorse, che ha portato all’estinzione anticipata di mutui per complessivi 9 milioni 700 mila euro e ad un risparmio della spesa per interessi passivi pari a 1milione 200 mila euro”.

 Dei principali interventi che troveranno avvio nel 2019: lavori di manutenzione strade e marciapiedi per 5 milioni di euro; ripristino di Ponte Nuovo per 3 milioni e 300 mila euro; mobilità urbana (acquisto nuovi mezzi e attrezzature info-mobility) per 5 milioni e 500 mila euro, co-finanziati con contributi europei; nuova segnaletica e cartellonistica stradale per 1 milioni e 200 mila euro; riqualificazione asilo notturno Camploy per 1 milione e 400 mila euro; sistemazione scuola Santa Lucia, in via Elisabetta, per 660 mila euro. All’Arsenale, inoltre, il 2019 vedrà l’avvio dei cantieri per la sua riqualificazione.

 Collegati alla delibera di bilancio 861 emendamenti, dei quali 809 dichiarati ammissibili dagli uffici. Accolti dall’assessore Toffali 202 emendamenti. Ritirati dai proponenti 503.

Pubblicità
Pubblicità

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti