Incendio di Fumane, tre focolai ancora attivi dopo il volo del Canadair

Incendio di Fumane, tre focolai ancora attivi.

Incendio di Fumane, la situazione è migliorata dopo l’intervento, nel pomeriggio di giovedì, del Canadair, e il lavoro dei vigili del fuoco e dei volontari, ma rimangono tre focolai ancora attivi. Focolai sui quali dalla mattinata di oggi, venerdì, è impegnato l’elicottero della Regione Veneto, come riferisce lo stesso governatore Luca Zaia, che sta seguendo l’evolversi della situazione.

“Alle ore 7 circa – dice Zaia – in nostri Volontari Aib, che non ringrazieremo mai abbastanza per la battaglia che stanno combattendo – hanno informato che sono riprese le rotazioni dell’elicottero sui 3 focolai. E’ infatti molto utile che gli interventi di spegnimento e bonifica inizino al mattino molto presto, quando ancora le temperature non si sono alzate troppo”.

L’appello di Zaia.

“Rinnovo a tutti – conclude Zaia – un accorato appello alla prudenza a chi frequenta colline, pinete, boschi, qualsiasi area arborea regionale. Per evitare nuovi focolai, usiamo il buon senso per aiutare i nostri uomini e donne impegnati sul campo. Ognuno di noi può dare il suo contributo per evitare lo svilupparsi di un focolaio. Si continui in tranquillità a frequentare i luoghi prescelti, ma usando il buon senso: rinunciando se sulla propria strada si trovano Volontari Aib o vigili del fuoco in attività, evitando il crearsi di gruppi di curiosi, non parcheggiando l’auto incandescente dopo il viaggio sopra superfici arboree seccate, non gettando a terra una sigaretta nemmeno se si ritiene di averla spenta bene, utilizzando i tradizionali barbecue a distanza di sicurezza da ogni possibile arbusto e avendo cura poi di spegnere tutto con abbondanti liquidi”.

Note sull'autore