Consiglio comunale: palazzo Allegri-Ferruzzi sarà sede di un convento

Da scuola elementare a convento. E’ quanto è stato deciso ieri sera dal Consiglio comunale che,

BarbieriArena450con 29 voti favorevoli e 3 astenuti, ha approvato la modifica della tipologia di servizio di palazzo Allegri-Ferruzzi, presente in via Muro Padri 20. Lo stabile, oggi destinato ad ‘Area per l’istruzione – categoria scuola elementare’, viene quindi adibito ad ‘Area di interesse generale – categoria convento’.
 Il palazzo, interessato da lavori di trasformazione, recupero e ristrutturazione, grazie al cambio di destinazione d’uso, sarà impiegato dal proprietario, Istituto delle Orsoline, come residenza per religiose.

 Successivamente è stato approvato all’unanimità, con 31 voti favorevoli, l’ordine del giorno, che invita l’Amministrazione a consentire alle farmacie l’esecuzione, in collaborazione con l’Ulss, di test sierologici rapidi di orientamento diagnostico anti Covid-19, in modo da realizzare una diffusa rete territoriale, in grado di poter far fronte all’esigenza di tracciamento del contagio. Primo firmatario il consigliere Gianmarco Padovani (Fratelli d’Italia).

 Con 27 voti favorevoli, è stata approvata all’unanimità la mozione che impegna l’Amministrazione a modificare il regolamento ‘Per la tutela e la valorizzazione delle Botteghe Storiche’, valutando la possibilità di istituire il titolo di ‘Insegna Storica’.

 Approvata, con 18 voti favorevoli e 6 contrari, la mozione che impegna l’Amministrazione ad intensificare i controlli sui cannabis-shop, soprattutto in quelli vicino agli istituti scolastici; a verificare il rispetto delle norme sulla pubblicità, dentro e fuori i cannabis-shop.

 Con 10 voti favorevoli, 6 contrari e 8 astenuti, è stato approvato l’ordine del giorno che invita l’Amministrazione a chiedere alla società Hellas Verona di disdire quanto prima il contratto di sponsorizzazione con la JustMary, la cui pubblicità è di fatto una forma di propaganda all’uso ricreativo della cannabis.

 Respinta, con 15 voti contrari, 8 favorevoli e 6 astenuti, la mozione che, in merito agli avvenuti allagamenti nella zona di Veronetta lo scorso mese di Luglio, impegnava l’Amministrazione ad eseguire, anche in collaborazione con Acque Veronesi, uno studio di fattibilità per indagare le criticità esistenti ed individuare le possibili soluzioni, da effettuare, in via XX Settembre.

 Respinta, con 21 voti contrari e 6 favorevoli, la mozione che impegna l’Amministrazione ad intervenire in Regione, per la modifica della legge regionale che dà libero accesso alla costruzione di strutture di vendita con superficie sotto i 1500 mq.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075