Sequestrati beni per 40 milioni di euro, maxi operazione della Guardia di finanza di Verona

I militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Verona, nell’ambito dell’operazione denominata Wooden Pallets, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal gip del Tribunale di Verona Luciano Gorra, che dispone la custodia cautelare di cinque persone, due in carcere e tre ai domiciliari.

I cinque sono ritenuti responsabili di un sodalizio criminale dedito alla commissione, in particolare, di reati tributari, tra cui infedele ed omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, emissione di fatture per operazioni inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

La medesima autorità giudiziaria ha emesso inoltre un provvedimento di sequestro di beni e disponibilità finanziarie per oltre 40 milioni di euro. Le operazioni, tuttora in corso, eseguite dai Finanzieri della Tenenza di Peschiera del Garda, hanno interessato le province di Verona, Bergamo e Brescia.

Le misure cautelari disposte dall’autorità giudiziaria segnano l’epilogo di lunghe e articolate indagini condotte dalla Tenenza di Peschiera del Garda che, partendo dall’esame di alcune segnalazioni di operazioni sospette inviate alla Guardia di Finanza.

A seguito dell’esame delle “s.o.s” (segnalazioni di operazioni sospette), i finanzieri anche in questo caso hanno ritenuto di svolgere ulteriori approfondimenti investigativi attraverso un controllo fiscale nei confronti della società principalmente coinvolta.

È stato così possibile ricostruire una fitta rete di società e di rapporti, costituite e amministrate direttamente o a mezzo di “prestanome” complici dei principali indagati, che dal 2015 al 2018, operando nel settore economico del commercio dei bancali in legno, hanno movimentato flussi finanziari in entrata ed uscita dai conti correnti per oltre 90 milioni di euro, con l’obiettivo principale di occultare i ricavi al fisco italiano per non pagare le imposte dovute.Sono finiti in carcere due imprenditori, uno della provincia di Brescia ed uno della provincia di Bergamo, mentre tre imprenditori bresciani sono stati invece posti agli arresti domiciliari.

Sono ancora in corso i sequestri, nei confronti degli indagati, di beni mobili ed immobili, nonché disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo di circa 40 milioni di euro.

Gli elementi complessivamente raccolti nel corso delle indagini delle Fiamme gialle veronesi hanno consentito di denunciare ben 20 persone, a vario titolo coinvolte nell’illecito sistema e di documentare, oltre ai descritti reati tributari, anche i reati di trasferimento fraudolento per oltre 38 milioni di euro, riciclaggio per oltre 12 milioni di euro e autoriciclaggio per oltre 26 milioni di euro, oltre a un episodio di usura.

 

(Visited 1 times, 2 visits today)

Note sull'autore

Be the first to comment on "Sequestrati beni per 40 milioni di euro, maxi operazione della Guardia di finanza di Verona"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*