Coronavirus. Risale la linea di contagio: 270 i positivi in città

Numeri aggiornati e una fotografia realista della situazione Covid a Verona, per evitare ogni allarmismo ma, piuttosto, invitare tutti alla massima responsabilità.

Il sindaco Federico Sboarina e il direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera Pietro Girardi, ieri pomeriggio in diretta streaming, hanno fatto il punto dell’andamento dei contagi nel veronese, visto l’aumento dei casi in tutta Italia.

 In città sono 270 i veronesi attualmente positivi, 27 in più di Mercoledì. Casi che rientrano nei 1.271 registrati questa mattina alle 8 a livello provinciale. In questo momento sono 2.293 le persone in isolamento domiciliare fiduciario in tutto il territorio scaligero, 41 i positivi ricoverati in area non critica e 11 quelli in terapia intensiva, circa una decina di persone in più negli ospedali rispetto a ieri. In tutta la regione stamattina erano 7.606 le persone positive al Coronavirus.

 E con l’aumento dei contagi, crescono anche i casi all’interno delle scuole. Ieri mattina, in tutta la provincia, sono stati 35 i ragazzi risultati positivi al tampone rapido, che verrà verificato nelle prossime ore con quello molecolare. Per tutti è scattata la quarantena. In isolamento fiduciario anche i compagni dato che in alcune classi c’era più di un caso. A tutt'oggi, sul territorio provinciale, sono 59 le scuole con studenti positivi: 4 dell’infanzia, 20 primarie, 13 medie, 23 superiori e 3 istituti professionali. Nessun caso, in questo momento, nei nidi. Da inizio anno scolastico sono state 107 le scuole che hanno registrato contagi, 48 delle quali già rientrati e tornate, quindi, alla normalità.

Nuova postazione tamponi drive in in Fiera
 Grazie alla collaborazione con Veronafiere, il padiglione 10 verrà attrezzato per ospitare, stabilmente nei prossimi mesi, 2 postazioni drive-in e 5 posti fissi dove effettuare il tampone. Già avvisati i veronesi che avevano prenotato per recarsi in fiera, dove troveranno un servizio più comodo, per arrivare in auto, per il parcheggio e per la disponibilità di spazi riparati.

Campagna antinfluenzale
 Per consentire la somministrazione dei vaccini, il Comune ha messo a disposizione dell’Ulss 9, e quindi dei medici di base, alcuni spazi nei quartieri, facilmente raggiungibili anche dagli anziani. Questo per evitare il sovraffollamento degli ambulatori, dove si recano i pazienti con differenti patologie. Il calendario delle vaccinazioni è stabilito dai medici e verrà comunicato ai pazienti. Queste le sale che verranno utilizzate: in seconda Circoscrizione, la stanza del Centro Polifunzionale in via Quinzano; in terza Circoscrizione il salone del Centro in via Brunelleschi 12, in zona Stadio; in quinta Circoscrizione la sala consiliare in via Benedetti; in sesta Circoscrizione la sala studio del Centro Civico Tommasoli in via Perini 7, a Borgo Santa Croce; in settima Circoscrizione la sala in piazza Fondo Frugose, 3; l’ex sala consiliare in piazza Madonna di Campagna,1; il salone del Centro Anziani Protagonisti di San Michele in via Fedeli, 12; in ottava Circoscrizione la sala polifunzionale ‘Papa Giovanni Paolo II’ in piazza Penne Nere,2 a Montorio.

Ordinanze
 Sono decadute ieri le ordinanze emanate dal sindaco per limitare i contagi, sia quella che vietava il consumo di bevande alcoliche fuori da bar e plateatici oltre la mezzanotte, sia quella che imponeva l’uso della mascherina all’aperto, in prossimità delle scuole, in concomitanza con l’ingresso e l’uscita degli studenti. Entrambi i provvedimenti non vengono prorogati in quanto superati dal decreto ministeriale del 13 Ottobre, che prevede l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione personale anche all’aperto, quando non si può mantenere il distanziamento, e la chiusura dei locali a mezzanotte o alle 21 in assenza di servizio al tavolo.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075