Provincia: primo giorno di scuola e gestione degli spazi negli istituti superiori

È in corso di approvazione la delibera degli spazi scolastici che illustra le modalità di gestione degli istituti superiori adottate dalla Provincia e pianificate nei mesi scorsi

anche in seguito agli incontri con i dirigenti delle scuole. Rispetto agli anni precedenti il documento non è definitivo, poiché il Miur non ha ancora comunicato i dati del cosiddetto “organico di fatto”, ovvero i numeri degli studenti che frequentano ciascun istituto, comprensivi delle variazioni avvenute dopo le iscrizioni.

Le attività per recuperare ulteriori aule per la didattica, in particolare in relazione all’emergenza Covid-19, hanno riguardato l’affitto di spazi da enti locali, associazioni, privati e parrocchie. Inoltre la Provincia ha previsto la riconversione in spazi didattici degli ex alloggi del custode al Dal Cero di San Bonifacio, al Minghetti e al Silva-Ricci di Legnago e al Sanmicheli di via Selinunte a Verona. Al Levi-Calabrese di San Floriano sono stati avviati i procedimenti per gli interventi di completamento del piano terra al fine di ricavare cinque nuove aule. Allo Stefani-Bentegodi, sempre a San Floriano, la Provincia ha in programma il noleggio di una tensostruttura per le attività sportive degli studenti.

Ad alcune classi del Montanari di Verona sono stati assegnati spazi – aule, palestre e laboratori - presso l’istituto Cangrande.
Per l’alberghiero Berti di Verona, visto il calo delle iscrizioni, si è programmato il rientro nella sede del Chievo anche delle classi allocate nella succursale di Ca’ di Cozzi, dove troveranno invece posto diversi studenti del Marco Polo, istituto in cui per i prossimi anni è previsto il passaggio definitivo da via Moschini ad appunto Ca’ di Cozzi.

Tra gli ambiti più complessi per il numero di studenti il Sambonifacese, dove per il Guarino Veronese sono in corso le procedure di convenzione con il Comune e la parrocchia per l’affitto di altri spazi. Sempre nel Sambonifacese è previsto l’utilizzo di tensostrutture per aumentare le aule a disposizione degli istituti, mentre a Soave alcune classi del Berti sono già state spostate dal Comune in una tensostruttura. Un trasferimento temporaneo causato dal maltempo che ha danneggiato parte del plesso scolastico Ippolito Nievo, di proprietà del Comune stesso.

Per la succursale villafranchese del Bolisani è previsto un trasferimento parziale nell’ex ospedale di Valeggio, dove sono stati già avviati i procedimenti per gli interventi necessari alla messa a norma di cinque future nuove aule.
Per il Medi di Villafranca, invece, dopo il venir meno della disponibilità di cinque aule messe a disposizione in passato dal Comune presso le Cavalchini-Moro, la Provincia installerà in settimana cinque tensostrutture temporanee, in attesa della fornitura di moduli scolastici prefabbricati per i quali il Servizio Edilizia Scolastica dei Palazzi Scaligeri ha già avviato la procedura d’acquisto.

A Legnago, per il Cotta e il Minghetti, sono state concordate le convenzioni con il Comune e altri enti e soggetti per individuare nuovi spazi utili a garantire il distanziamento tra gli studenti.
Al Medici di Legnago, infine, si noleggeranno alcune tensostrutture per permettere lo svolgimento delle lezioni fino al termine degli interventi di rispristino di alcune aule danneggiate dal maltempo.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075