Artigianato delle Alpi

Sommacampagna: biblioteca aderisce al progetto per ipovedenti

Il Comune di Sommacampagna ha aderito al progetto “Leggere facile, leggere tutti”. La Biblioteca Comunale di Sommacampagna diventa così ancora più accessibile,

con uno specifico servizio dedicato a persone con difficoltà visive, ipovedenti, affette da dislessia mediolieve o anziane con la vista indebolita.

 L’offerta culturale di una biblioteca comunale deve essere al servizio della pluralità delle persone, con particolare attenzione alle specifiche esigenze e caratteristiche (fisiche, motorie, sensoriali, comunicative, psichiche, culturali), in modo tale da favorire l’accessibilità e, quindi, l’inclusione. L’ipovisione, nello specifico, è una riduzione significativa della funzione visiva che non può completamente essere corretta da occhiali ordinari, da lenti a contatto o dalla chirurgia. Interessa la popolazione di tutte le età, con conseguenze importanti sulle attività quotidiane come la lettura, la scrittura, l’autonomia domestica ed altro.

Già punto di riferimento provinciale con il progetto “In Book”, che promuove i libri in simboli dedicati ai bambini con difficoltà nella lettura, ecco che «Aderire al progetto della Biblioteca Italiana per Ipovedenti “Leggere facile, leggere tutti” ci è parso la naturale prosecuzione del percorso di inclusione alla lettura nel quale da tempo siamo impegnati — spiega l’Assessore alla Cultura Eleonora Principe — Ospiteremo e valorizzeremo volumi a grandi caratteri ed audiolibri per ipovedenti ed anziani messi a disposizione, a titolo di donazione gratuita, dalla B.I.I. ONLUS che andranno ad arricchire il materiale dedicato già presente ed a offrire un migliore servizio di lettura facilitata».

 La biblioteca comunale di Sommacampagna, grazie al lavoro di promozione del libro e della lettura consolidato negli anni, ha avuto grandissimi risultati in termini di prestiti anche lo scorso annus horribilis quando «Abbiamo riscoperto il valore dei libri per effetto delle restrizioni dovute alla pandemia: la lettura è un piacere per l’anima. E come amministratori dobbiamo fare tutto il possibile perché l’accesso all’istruzione, all’informazione e alla cultura sia un diritto per tutti —conclude l’Assessora — Ciò che manca ora, è la possibilità di tornare a vivere la biblioteca come luogo di incontro e confronto, di scambio di opinioni e di suggerimenti di lettura, di mondi fantastici e letture ad alta voce per i nostri bambini.»

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. P.IVA 04157670235