Giunta regionale approva l'assestamento 2020 e licenzia il bilancio di previsione 2021-2023

In un’unica seduta la Giunta regionale ha approvato sia la manovra di bilancio complessiva (DDL Stabilità, DDL Collegato e DDL Bilancio) per il prossimo triennio 2021-2023,

il primo Bilancio della XI legislatura in piena continuità con i precedenti, sia l’Assestamento del Bilancio 2020, con oltre 36 milioni di euro.

 Il Bilancio di previsione 2021 destina circa 9,2 miliardi di euro per la Sanità, circa 2,9 miliardi di euro per partite di giro, circa 1,5 miliardi di euro per partite vincolate e circa 1,177 miliardi di euro di risorse disponibili per tutte le altre attività dell’Ente. Sono inoltre previsti 48 milioni di euro di nuovo indebitamento per investimenti.

 “In tempi record, dopo appena una settimana dall’insediamento della nuova Giunta, grazie al prezioso e serrato lavoro di squadra dei vari assessorati, si è reso possibile approvare anche il Bilancio di previsione regionale 2021-2023. Nonostante la pausa elettorale - è il commento dell’assessore al Bilancio e al Patrimonio, Francesco Calzavara -, riusciamo a consegnare in tempo utile tutta la documentazione al Consiglio regionale, affinché si arrivi alla sua approvazione prima della pausa natalizia. Questo ci consentirà di evitare l’esercizio provvisorio dando così immediata operatività agli uffici per l’attuazione del programma di governo”.

 Con la manovra finanziaria 2021-2023, nonostante le gravi difficoltà ed incertezze che la Regione del Veneto si trova a dover affrontare a causa della crisi sanitaria ed economico-sociale conseguente alla pandemia da Coronavirus, l’Amministrazione regionale continua il suo impegno sui fronti:
 1. della messa in sicurezza delle infrastrutture: strade, viadotti, tratte ferroviarie;
 2. della tutela e messa in sicurezza del territorio e dell’ambiente: bonifiche, risanamenti e disinquinamenti ambientali, dissesto idrogeologico;
 3. del sostegno dello sviluppo economico e di tutti i settori produttivi: primario, secondario, terziario, in particolare del turismo, fattore economico importante per il Veneto;
 4. del sostegno al lavoro: quindi alle imprese e ai lavoratori;
 5. del sostegno sul fronte del Sociale, del terzo settore, dell’associazionismo, dell’istruzione pubblica e privata, della formazione professionale;
 6. del sostegno agli enti locali, in primis ai Comuni;
 7. della governance e ottimizzazione del Gruppo Regione Veneto, quindi della Holding Regione e di tutte le sue società partecipate ed enti strumentali, per migliorare l’operatività complessiva del sistema regionale a beneficio di cittadini ed imprese.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075