Regione Veneto e scandalo bonus 600 euro, Cappelletti (M5S): “Azione ingiustificabile come con l’indennità di trasferta”

“È il secondo scandalo che travolge l’amministrazione Zaia in meno di una settimana.

Stiamo ancora aspettando i bonifici delle indennità di trasferta indebitamente percepiti dai consiglieri regionali Veneto, quando ecco che scoppia il caso dei furbetti dei 600 euro. Ma che razza di politici sono coloro che intascano un bonus destinato ai lavoratori a causa Covid? È una solenne presa in giro, poi, la giustificazione secondo la quale gli accrediti nei loro conti correnti siano avvenuti ‘a loro insaputa’”.

 “La Lega e i consiglieri regionali che hanno incassato i 600 euro del Governo lamentavano da mesi - a reti unificate - che non arrivavano i contributi dello Stato. Mentivano ai cittadini due volte: la prima sull'incasso degli aiuti e la seconda sul fatto che dal Governo non arrivasse nulla.”

 Lo sostiene Enrico Cappelletti, Candidato Presidente alle regionali in Veneto, in merito al caso della richiesta del bonus partite Iva da 600 euro.

 “Approfittare dell'emergenza per ottenere un vantaggio ingiusto non è etico, anzi rende questo comportamento ancora più ripugnante. Mi complimento con i vertici Inps che sono stati in grado di rilevare queste assurdità. È giusto che se qualche politico sbaglia, anche se del Movimento 5 Stelle, sia chiamato a risponderne davanti ai cittadini. Ma questa situazione – conclude Cappelletti – si aggiunge al caso di Zaia e dei consiglieri regionali del Veneto che hanno incassato le indennità di trasferta anche nel periodo del lockdown, quindi senza averne diritto. Una volta colti con le mani nel sacco, a seguito delle denunce del M5S, hanno promesso di restituirli. Ovviamente alle promesse di Zaia non è seguito nulla. Dobbiamo quindi aspettarci che non succederà nulla anche per i furbetti che hanno intascato i 600 euro?” (comunicato stampa Enrico Cappelletti M5S)

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075