Artigianato delle Alpi

Blocco euro 4: chiesta nuova proroga al Governo. Nessuna allerta Pm10 da inizio inverno

Azioni decise per ottenere la proroga alla circolazione degli euro 4 diesel

Prosegue anche in questi giorni l’impegno del Comune di Verona per evitare che, dalla prossima settimana, ben 14 mila veicoli cittadini siano bloccati. Questa mattina nel Tavolo Tecnico Zonale della Provincia l’assessore all’Ambiente ha ribadito la volontà dell’Amministrazione comunale, anche alla luce dei risultati degli ultimi mesi. Da Ottobre a Dicembre 2020, infatti, Verona è sempre rimasta verde per sforamenti consecutivi al limite di Pm10. Nessuna allerta in città, quindi, né arancione né tantomeno rossa, in linea con quanto successo negli ultimi tre anni. Il valore medio annuale complessivo delle due centraline di Borgo Milano e del Giarol, pari a 32 ug/mc, è conforme agli anni passati (32 ug/mc nel 2019, 31 ug/mc nel 2018, 32 ug/mc nel 2017) e sostanzialmente sotto il valore limite di 40 ug/mc richiesto dalla legislazione nazionale.

La battaglia per non bloccare gli euro 4 diesel è legata allo stato di emergenza sanitaria che impone la capienza ridotta dei bus e il divieto di assembramento, oltre alla crisi economica che sta colpendo le famiglie che sarebbero invece costrette a comprare l'auto nuova. La richiesta è già nelle mani del Ministro all’Ambiente, perché le Regioni del Bacino Padano (Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna) si sono unite nel chiedere al Governo di far slittare lo stop ai mezzi. Per Verona, riguarderebbe 14.109 automobili in città e 69.233 in tutta la provincia.

“In questo momento di crisi ed emergenza sanitaria le priorità delle famiglie sono altre, la salute, il lavoro e la situazione economica, non certo il dover pensare a sostituire l’auto - spiega il sindaco Federico Sboarina - . E’ da Agosto che ci battiamo a tutti i livelli istituzionali per rinviare il blocco degli euro 4 diesel. Continuiamo a farlo, interpellando il Governo, perché data l’emergenza creata dalla pandemia è inaccettabile chiedere un altro sacrificio ai cittadini. Ci sono tutte le motivazioni emergenziali per far slittare il blocco, inoltre i livelli di pm10 registrati in città da Ottobre ad oggi sono nella norma. Faremo di tutto perché il divieto non scatti e si possa arrivare al 31 Marzo”.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075