Urbanistica. Sboarina: "Rigenerazione e nuove destinazioni. Partiamo dai quartieri"

E' partito l'iter per disegnare lo sviluppo urbanistico di Verona nei prossimi vent'anni. Si comincia dai quartieri, dove manca una serie di funzioni necessarie per garantire standard qualitativi di alto livello.

panorama primaveraPPiazze, residenziale e uffici di nuova concezione, spazi per gli anziani e luoghi di aggregazione per il quartiere, tutti saranno realizzati attraverso il nuovo strumento urbanistico senza consumo di nuovo suolo. Con la novità che le destinazioni saranno valutate sulla base delle proposte progettuali e in relazione al contesto insediativo. E' questa in sintesi la visione della città futura contenuta nel "Documento del sindaco", l'atto amministrativo iniziale per dar vita alla prossima Variante urbanistica approvato nella giunta di questa mattina.

Dalla Zai storica fino a Montorio, non c'è quartiere in cui non siano presenti ex aree industriali o produttive in stato di abbandono o degrado, che hanno bisogno di nuova identità per integrarsi con il tessuto circostante. La pianificazione sarà caratterizzata da minor consumo del suolo, dalla rigenerazione urbana, dal recupero delle aree dismesse e dalla tutela del verde.

Contenimento del consumo del suolo
L'obiettivo è quello di limitare le nuove costruzioni, a vantaggio del recupero delle esistenti. Una scelta in linea con la legge regionale n.14 del 2017: per lo sviluppo urbano partire dalla riorganizzazione e dalla riqualificazione del tessuto insediativo esistente.

Rigenerazione urbana
E' alla base della pianificazione urbanistica dell'Amministrazione, da applicare negli ambiti urbani degradati. Laddove per degrado non si intende solo quello edilizio (in presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità o obsoleto), ma anche urbanistico (dove vi sia un impianto urbano disorganico o incompiuto), socio-economico (immobili in condizioni di abbandono o utilizzati impropriamente), ambientale (dove le condizioni naturali risultano compromesse).

Recupero aree dismesse
In linea con il contenimento del consumo del suolo, si punta a dare nuova vita a fabbricati dismessi o utilizzati sono in parte, edifici di varia natura disseminati su tutto il territorio. Sono i 'Vuoti a rendere', oggetto nei mesi scorsi di una campagna di indagine in cui l'Amministrazione ha coinvolto associazioni di categoria, ordini professionali e investitori.

Modalità e tempi
Gli interventi di riqualificazione urbana possono essere attuati mediante Piani urbanistici attuativi e comparti o Permessi di costruire convenzionati. Cinque le fasi previste per dare corso al procedimento tecnico amministrativo, che si concluderà a metà 2021. Dopo l'approvazione della giunta e un primo passaggio in Consiglio comunale, parte la fase della concertazione per l'individuazione degli ambiti degradati, con incontri e confronti con gli stakeholder, le associazioni di categoria ma anche i cittadini. Stabiliti gli ambiti di degrado su cui intervenire, ne verrà affidata la coprogettazione ad un advisor, che seguirà la stesura del masterplan con le linee guida per le manifestazioni di interesse. Quindi la redazione vera e propria della Variante, e i successivi passaggi di valutazione fino all'adozione finale in Consiglio comunale.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075