Artigianato delle Alpi

Nuove demolizioni al bastione San Francesco

Nell’area a ridosso del bastione San Francesco, dove dal dopoguerra sono stati costruiti numerosi edifici abusivi, le ruspe sono tornate al lavoro.

bastioneSFrancescoDemolizioni450Una dopo l’altra verranno abbattute tutte le strutture irregolari per valorizzare la cinta magistrale e completare così il trasferimento dell’area dal Demanio al Comune. La riqualificazione, infatti, è un passaggio fondamentale non solo per restituire decoro alla zona, ma anche per proseguire l’iter tra le Istituzioni. L’accordo sottoscritto nel 2012, prevedeva infatti che il passaggio del compendio Cinta magistrale fosse subordinato all’eliminazione dei fabbricati abusivi esistenti.

 Ieri mattina, sulla salita prima del ponte, gli operai stavano iniziando a sgomberare una struttura angolare fatiscente. Putrelle in ferro, pareti di cemento e mattoni, tegole e tettoie, materiale di scarto. Negli anni ’50, sede di un laboratorio di un marmista, divenuto poi magazzino in uso al bastione, infine spazio degradato e abbandonato. Prosegue così il recupero dell’area, soprattutto per riportare allo splendore originario una parte importante della Cinta magistrale, sino ad oggi poco visibile e soprattutto non fruibile dalla cittadinanza, proprio a causa dell’abusivismo. Nel Febbraio dello scorso anno erano state abbattute le prime quattro abitazioni irregolari costruite sotto il vallo. La precedenza è stata data all’area vincolata, ma le demolizioni interesseranno anche lo spazio interno e lungo il fiume. In tutto erano una quindicina le ‘casette’ presenti, di cui un terzo già demolite.

 Sul posto, erano presenti gli assessori ai Lavori pubblici Luca Zanotto e ai Rapporti con l’Unesco Francesca Toffali. Dal 2000, infatti, le mura veronesi sono patrimonio mondiale dell’umanità.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075