Nuovo arresto per droga ai bastioni

Nuovo arresto per spaccio di droga ieri ai Bastioni, frutto dell'efficienza degli agenti della Polizia Locale e dell'Unità Cinofila ma anche grazie alla tecnologia e all'uso delle telecamere.

arresstoDrogaBastioni500Sono state proprio le immagini visualizzate in tempo reale dal Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia locale a portare all'arresto in flagranza di reato di un cittadino algerino, classe 1972, fermato mentre stava vendendo sostanza stupefacente, circa 16 grammi di hashish, a due acquirenti. Segnalato al Pubblico ministero l'uomo è stato arrestato.

 Si tratta di un richiedente protezione internazionale, già gravato da recidiva per precedenti penali attinenti allo spaccio. Entrato in Italia nel 2017 da Ventimiglia, l'uomo era stato arrestato a Torino nel 2018 per reati legati alla droga. Uscito dal carcere di Aosta lo scorso 5 Novembre è arrivato a Verona per proseguire la sua attività di spacciatore, che evidentemente riusciva a fare in qualsiasi posto si trovasse.

 L'algerino è arrivato ai Bastioni di Circonvallazione Oriani in bicicletta, verso le 15.30. Comincia a girovagare, guardandosi intorno, per poi fermarsi su una panchina. La potente telecamera di sorveglianza presente nell'area registra tutto, compreso il via vai di persone che cominciano ad avvicinarsi e che, dopo aver acquistato la sostanza stupefacente, si allontanano. Dal Comando parte l'ordine ad intervenire immediatamente, tanto che gli agenti riescono a cogliere l'algerino in flagrante insieme a due acquirenti. Per lui è scattato l’arresto, convalidato nella direttissima di stamattina. Il processo si terrà il prossimo 26 gennaio con il divieto di dimora a Verona e provincia.

I dettagli dell'operazione sono stati illustrati oggi dal sindaco Federico Sboarina e dal Comandante della Polizia locale Luigi Altamura.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075