Coronavirus: prorogata l'ordinanza anti-assembramento

Prorogata fino al 23 Novembre l’ordinanza del sindaco che prevede misure restrittive mirate anti assembramento, tra cui la chiusura o il divieto di stazionamento in alcune strade e piazze.

Al fine di limitare il rischio di contagio, infatti, il provvedimento, che era in scadenza, resta valido per altri 10 giorni, in quelle zone della città dove si sono verificate violazioni all’obbligo di distanziamento sociale. Per il contrasto ai luoghi dell'assembramento, l'ordinanza prevede tre tipi di misure: divieto di accesso, divieto di stazionamento e divieto di utilizzo delle panchine.

 Divieto di accesso pedoni. Tutti i giorni, dalle ore 16 alle 6, non è possibile accedere ai giardini di Riva San Lorenzo e al parco giochi di via Cesare Abba; chiusura h24, invece, per piazza Castelvecchio, su cui possono transitare/sostare solo i pedoni diretti ai numeri civici della medesima piazza o chi è in attesa alla fermata dell’autobus.

 Divieto di stazionamento con possibilità di transito ma non di assembramento. Tutti i giorni h24 sulle scalinate della Gran Guardia e di palazzo Barbieri (presenti in piazza Bra e nelle laterali piazzetta Municipio e via degli Alpini); in piazza Pasque Veronesi; lungo le alzaie del fiume Adige; nell’area parcheggio via Bassetti a Porta Vescovo. Tutti i giorni dalle ore 16 alle 6 in zona Arsenale, ossia ai giardini Sandro Pertini, in piazza Sacco e Vanzetti e nell’area della vasca; in piazza San Nicolò e nell’area antistante la chiesa, ad eccezione di chi vi si reca; nei giardini di via Volturno. Tutti i giorni dalle ore 18 alle 6 in piazza del Popolo.

 Divieto di utilizzo delle panchine. Dal lunedì al sabato h24 in piazza Libero Vinco. Tutti i giorni dalle ore 16 alle 6, in piazza Cittadella. Tutti i giorni dalle 18 alle 6, in piazza Pradaval.

 Le violazioni comportano sanzioni da 400 a 1.000 euro.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075