Regione: in Veneto investiti oltre 2 mln di euro per promuovere la barbabietola

La Regione Veneto ha investito nell’ultimo triennio 2.100.000 euro, di cui 800 mila quest’anno, per promuovere la coltivazione della barbabietola nel proprio territorio.

barbabietola350Ne hanno beneficiato 1167 aziende che hanno dedicato nuovi ettari di superficie agricola a questa coltura tipicamente italiana, ad alto valore ambientale ed ecologico, strategica per la rigenerazione dei terreni e per la filiera del ‘made in Italy’.

 Lo ha ricordato l’assessore regionale all’Agricoltura, incontrando ieri a Pontelongo i bieticoltori di Coprob-Italia Zuccheri, la cooperativa che conta 7 mila aziende agricole, due zuccherifici da cui si ottengono 280.000 tonnellate di zucchero italiano, ‘garantito dal campo alla tavola’, come ha sottolineato il rappresentante dell’amministrazione regionale.

 “Ci lasciamo alle spalle una stagione in cui la produzione di zucchero dalla barbabietola sembrava un retaggio del passato destinato ad un inevitabile declino – ha aggiunto l’assessore – Oggi, invece, il marchio Italia Zuccheri arriva a coprire il 15 % del fabbisogno italiano e si è affermato come filiera ‘virtuosa’ in termini di emissioni di gas serra, di rotazione agricola e quindi di rigenerazione della capacità produttiva dei terreni e di impatto ambientale. G”.

 “La Regione Veneto ha introdotto una misura sperimentale di contributo agli agricoltori per ogni ettaro dedicato alla barbabietola da zucchero. Una misura costantemente implementata dal 2017 ad oggi – ha concluso l’assessore - e che sta producendo i suoi frutti: in Veneto sono ormai oltre 9 mila gli ettari di superficie agricola riconvertita a barbabietola che hanno beneficiato del contributo regionale, pari a circa un terzo dell’intera superficie nazionale dedicata alla coltura saccarifera”.

Pin It

Veronaoggi.it sui social          

twitter1

Facebook

YouTube

© 2020 Veronaoggi.it. All Rights Reserved. Testata giornalistica WebItalyNews / Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini / Direttore editoriale Marco Camilli / Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005 / P.IVA 01000080075