Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Scherma. La bandiera Fie è passata dalla Bulgaria all'Italia

Si sono chiusi ieri a Plovdiv i Campionati del Mondo Under 17 e Under 20 ed è già iniziata la grande avventura dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani Verona2018.

Nel corso della cerimonia di chiusura dell'edizione 2017 della rassegna iridata giovanile svoltasi sulle pedane bulgare di Plovdiv, è avvenuto infatti il simbolico passaggio della bandiera, che attesta l'affidamento dell'organizzazione dei Campionati Mondiali. La bandiera della Federazione Internazionale di Scherma è passata dalle mani del Presidente della Federazione bulgara di scherma, Wieliczka Hristeva, al Segretario generale FIE, Emmanuel Katsiadakis, il quale, a sua volta, l'ha consegnata al Vicepresidente della Federazione Italiana Scherma e capodelegazione azzurro, Paolo Azzi.
 Un atto formale che segna l'avvio ufficiale del percorso organizzativo che porterà Verona, il prossimo mese di aprile, ad ospitare la più grande kermesse di scherma internazionale, con in pedana oltre 1300 atleti provenienti da più di 100 Paesi. Verona2018 sarà una grande vetrina e un’imperdibile occasione promozionale per la scherma italiana in generale e veneta in particolare.

 Proprio il Veneto è stato protagonista a Plovdiv con 12 dei 42 atleti azzurri in gara cresciuti o provenienti da sale scherma della nostra regione. Tre di loro sono andati a medaglia: le spadiste trevigiane Eleonora De Marchi e Beatrice Cagnin e la sciabolatrice padovana Eloisa Passaro, tutte e tre argento nella prova a squadre Under 20. Se per Eloisa a Plovdiv si è chiusa la parentesi giovanile e l’anno prossimo passera alla categoria Assoluti, Eleonora e Beatrice potranno giocarsi le chance di vincere una medaglia a Verona, come il fiorettista mestrino Pietro Velluti Franzì, giunto ad un passo dalla medaglia in Bulgaria al suo primo anno nella categoria Under 20, e i compagni d’arma Martina Favaretto (Comini Padova) e Alessandro Stella (CS Mestre), anche loro fermati ai quarti di finale nelle gare dedicate ai Cadetti (Under 17).

 La bandiera della Federazione Internazionale di Scherma giungerà a Verona e sarà accolta nel corso di un evento che sarà promosso dal Comitato organizzatore dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani Verona2018, volto a coinvolgere sin da adesso la città ed il territorio veronese alla kermesse che vedrà in gara il futuro della scherma mondiale.

Pubblicità