Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Badia Calavena. Progetto “Amico a 4 ruote”: consegnato pulmino per trasporto sociale

Donato dalla comunità è il frutto della generosità di una solida rete territoriale.

pulminoDonato550

Quando il territorio investe nella solidarietà e crede nel sociale possono nascere grandi imprese. Come quella di donare interamente un pulmino per il trasporto di persone con disabilità. È accaduto a Badia Calavena, dove è stato consegnato un nuovo mezzo Fiat alla cooperativa sociale Monteverde, che lo utilizzerà per trasportare le 60 persone con disabilità che frequentano i centri diurni. A bordo potranno essere trasportate fino a 9 persone, di cui 7 con disabilità, grazie a una pedana di sollevamento; i passeggeri saranno sempre accompagnati da un operatore socio-sanitario e dall’autista.

 pulimoDonato1 450È un piccolo miracolo che si ripete: due anni fa, in concomitanza col trentennale della onlus, era arrivato un altro pulmino, indispensabile a rinnovare il parco macchine della cooperativa. Ogni giorno, infatti, i mezzi della Monteverde viaggiano in lungo e in largo per l’Est veronese e la Lessinia, accompagnando nel tragitto casa-centro diurno le persone con disabilità, in convenzione con l’Ulss 9 Scaligera. Tanti i Comuni interessati: Caldiero, Colognola ai Colli, Illasi, Mezzane di Sotto, Lavagno, San Mauro di Saline, Tregnago, Badia Calavena, Selva di Progno, Velo Veronese, San Martino Buon Albergo, Soave, Monteforte d’Alpone, Arcole e Grezzana.

 Attorno al nuovo pulmino, infatti, si è mosso un mondo. Per coprire i circa 50mila euro di spesa, è stata attivata una campagna di raccolta fondi molto articolata. Il progetto “Pulmino a 4 ruote” ha coinvolto per mesi utenti, operatori, associazioni, professionisti e aziende locali per realizzare gli scatti del calendario 2018, diventato anche un progetto educativo, oltre che uno strumento di fundraising. «Ci sono state poi le “cene con delitto” realizzate grazie all’associazione The Elp al ristorante Michelin di Tregnago, una cena di gala alla Locanda del Borgo di Soave (organizzata grazie alla famiglia Marcazzan, col sostegno dei fornitori della Locanda), le donazioni di cittadini, imprese e fondazioni – evidenzia Francesco Tosato, vicepresidente della cooperativa –. Questa mobilitazione ci ha permesso di centrare l’obiettivo; inoltre, l’ingente donazione di una persona residente nel nostro territorio, che preferisce restare anonima, ci ha consentito di acquistare il secondo pulmino necessario al trasporto».

 All’inaugurazione erano presenti tutti i partner coinvolti. I nomi dei donatori sono stati riportati anche sulle fiancate del veicolo: Mocel, Mep Pellegrini, Fondazione K, Vetrerie Riunite, Borromini, Novaref e Motomeccanica. Un grazie evidente per questo gesto di generosità.

Pubblicità