Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Regione Veneto: approvata nuova legge per il turismo equestre

“Ci siamo dotati di uno strumento legislativo importante, che ci pone ancora in prima fila nell’offerta del turismo

cavalliPemozionale e che contribuirà a organizzare e valorizzare le tante attività legate al cavallo e agli altri equidi e al loro secolare rapporto con l’uomo. Se l’interesse e la passione per l’equiturismo nel Veneto sono in crescita, lo si deve sicuramente al nostro territorio incantevole, che si può scoprire e godere in modo ancor più originale, percorrendolo insieme a quello straordinario compagno di viaggio che è il cavallo. Mi auguro che questa legge fornisca anche uno stimolo allo sviluppo di nuove opportunità imprenditoriali legate al turismo, all’escursionismo e allo sport equestri, che rappresentano una ricchezza culturale ma anche economica”.

Così il presidente del Veneto saluta l’approvazione da parte del Consiglio regionale della legge contenente disposizioni per il turismo equestre e la valorizzazione delle attività con gli equidi.

“Una norma – sottolinea l’assessore regionale al turismo – che fissa gli elementi cardine per lo svolgimento di attività che registrano un costante aumento del numero di appassionati, ma anche di aziende che intendono operare in quest’ambito. Il turismo equestre è un turismo slow, che si integra perfettamente ad altri segmenti, quali il turismo enogastronomico, rurale, culturale, dell’escursionismo ambientale e sportivo, ma anche a prodotti turistici consolidati e maturi, come ad esempio quelli di mare, montagna e lago, svolgendo una funzione di delocalizzazione e di destagionalizzazione”.

“Ringrazio – conclude l’assessore al turismo – tutti i consiglieri che hanno contribuito a migliorare il testo e la competente commissione consiliare che su questo disegno di legge della Giunta ha lavorato con interesse e impegno. Esprimo gratitudine anche alle associazioni del settore equestre, che hanno fornito suggerimenti preziosi per la ‘costruzione’ di questa norma che disciplinerà la realizzazione e l’organizzazione delle ippovie, dei punti di sosta e ristoro, dei centri ippici, ma anche la valorizzazione dei mestieri antichi legati al cavallo e le attività di ippoterapia”.

Pubblicità