Veronaoggi.it

Ex Tiberghien: progetto con più verde e attenzione a pedone e ciclisti

Pin It

Il progetto urbanistico di riqualificazione dell’ex Tiberghien è nero su bianco.

Il tavolo tecnico voluto dall’Amministrazione comunale per decidere il futuro dello spazio industriale, ha terminato il lavoro di confronto con gli ordini professionali e la proprietà, decidendo quali modifiche apportare alla scheda norma inserita nella Variante 23.

Il Comune ha proposto alla proprietà una nuova viabilità, anche pedonale e ciclabile, la creazione di una vasta area verde attrezzata lungo Corso Venezia, la realizzazione di un asilo nido o di una residenza per anziani.
L’amministrazione è però disposta a consentire un piccolo aumento di superficie dell’attività commerciale prevista (circa 6 mila metri quadrati di nuovo immobile), se necessaria per il deposito.

Le modifiche alla scheda norma dovranno essere ora approvate dal Consiglio comunale. Non manca molto, visto che il cosiddetto “tempo di salvaguardia” per la presentazione delle osservazioni alla Variante 23 termina il 24 Settembre.

“Una soluzione condivisa dal tavolo tecnico, per un progetto che garantisce a quest’area di pregio la giusta riqualificazione – spiega l’assessore alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala -. Vogliamo un progetto che tenga conto del valore storico di questi edifici, che si integri con il quartiere e ne diventi elemento di rigenerazione, data anche la sua posizione strategica al confine di due circoscrizioni. Ci sta a cuore la viabilità del quartiere, perciò abbiamo chiesto modifiche per migliorare i passaggi pedonali e l’accesso ciclistico. Un metodo di lavoro nuovo ed operativo, quello del tavolo tecnico, che ha permesso di esaminare proposte e richieste di tutti gli attori coinvolti, con l’obiettivo comune di ridare vita ad un sito che fa parte della storia cittadina, togliendolo una volta per tutta dallo stato di degrado e abbandono”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità