Veronaoggi.it

Pubblicità

Monopattici elettrici e segway: 2 Ottobre amministrazione incontra gestori privati

Pin It

Che l’arrivo del monopattino in città fosse atteso non solo da cittadini e turisti, lo dimostra l’alto numero di informazioni richieste arrivate in questi giorni agli uffici del Comune da parte degli operatori privati. Alcune postazioni in cui è possibile noleggiare monopattino o segway (l’altro mezzo elettrico autorizzato a circolare) sono già comparse autonomamente in centro.

E' chiaro che la regolamentazione entrata in vigore da Domenica, e che permette ai nuovi dispositivi di circolare su tutto il territorio comunale, apre nuovi scenari per chi opera nel segway300settore.

 Ecco perché l’amministrazione ha già programmato un incontro aperto a tutti gli operatori e i gestori di monopattini elettrici e segway, tra cui quelli che già hanno contatto il Comune di recente.
 L’appuntamento è con l’assessore alla Viabilità e Traffico Luca Zanotto e il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura Mercoledì 2 Ottobre in municipio. Alla luce dell’avvio della sperimentazione avviata dal Comune e delle norme che regolano il settore, l’incontro servirà per fornire ai gestori l’informazione corretta in merito (aree a disposizione, decalogo per la circolazione, violazioni) e all’amministrazione per ricevere proposte e contributi per uno sharing rispettoso del decoro urbano.

 Un confronto di cui beneficeranno anche i cittadini che potranno ricevere maggiori indicazioni su dove poterli noleggiare e con quali modalità.
 L’avvio della sperimentazione è partita Domenica scorsa, dopo che la giunta ha approvato il regolamento specifico e il posizionamento della nuova segnaletica verticale sul territorio del Comune.

Le regole da rispettare per chi utilizza i dispostivi elettrici si aggiungono alle disposizioni del codice delle strada e vanno nella direzione di tutelare l’incolumità e la sicurezza di tutti.

 Le principali riguardano la possibilità per i mezzi di circolare sulle piste ciclabili, ciclopedonali e nelle zone con limite di velocità a 30 km orari, al pari delle biciclette (non sulle strade pedonali come via Mazzini e via Cappello); la sosta consentita negli stalli riservati alle biciclette o in quelli per scooter e moto, oppure ai lati della carreggiata stradale se non vi è un divieto di sosta.

 Al pari degli altri mezzi di trasporto, però, per chi non rispetta le norme sono previste precise sanzioni, che vanno da 26 a 87 euro, e che, in alcuni casi, contemplano anche il sequestro amministrativo o la decurtazione di un punto dalla patente, come nel caso si trasportino a bordo del dispositivo elettrico animali o oggetti.

 E’ di 26 euro la multa in caso di mancata precedenza ai pedoni; di trasporto di passeggeri; di manovre pericolose per la circolazione; di circolazione in ‘zona 30’ senza rispettare il limite. Sale invece a 42 se viene superata la velocità massima di 6 km/h nelle aree pedonali; se il dispositivo viene fatto sostare al di fuori degli stalli per bici e moto; in assenza di marcatura CE. Arriva infine a 83 euro con decurtazione di un punto dalla patente la multa per chi trasporta oggetti o animali; 87 euro se il conducente minorenne circola senza patente per lo scooter, a cui si aggiunge il fermo per 30 giorni del dispositivo.  (foto Internet)

 “Dopo il via libera alla circolazione di monopattini e segway in città, c’è stato un susseguirsi di telefonate e mail da parte di operatori e gestori per approfondire il tema – spiega Zanotto -. Ecco perché abbiamo organizzato subito un incontro pubblico, con l’obiettivo di dare risposta a tutte le domande. Il Comune non è coinvolto direttamente nelle gestione del servizio, che spetta invece ai singoli gestori privati. Visto però il gradimento dei dispositivi tra i cittadini, abbiamo ritenuto opportuno regolamentarli, per la sicurezza di tutti. Sono mezzi comodi e pratici, siamo sicuri possano diventare una risorsa per la città, dei nuovi alleati contro traffico e inquinamento”.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità