Veronaoggi.it

Pubblicità

In Gran Guardia le collezioni del museo AMO

Pin It

Le collezioni e le attività del Museo AMO (Arena Museo Opera) saranno trasferite da palazzo Forti alla Gran Guardia.

amo400La giunta, infatti, ha stabilito di mettere a disposizione di Fondazione Arena, a titolo gratuito, le due sale laterali del piano nobile della Gran Guardia come spazi per l’esposizione del patrimonio di bozzetti e costumi di scena, fino ad ora in mostra all’AMO. Le due sale saranno concesse alla Fondazione dal 1 Maggio al 30 Settembre, per gli anni 2019 e 2020.

 Va ricordato che la disdetta della convenzione tra Comune e Fondazione Arena e del canone d’affitto per l’utilizzo di palazzo Forti come sede del Museo AMO, era stato uno dei primi provvedimenti presi dal Consiglio di Indirizzo di Fondazione Arena, a gennaio di quest’anno. La rescissione avrà effetto a partire dal 31 gennaio 2019 e, di conseguenza, la Fondazione non sarà più tenuta a pagare l’affitto dello storico immobile.

 “La disdetta del contratto di locazione di palazzo Forti e i nuovi spazi espositivi in Gran Guardia – ha detto il sindaco Federico Sboarina – hanno un duplice effetto positivo per Fondazione Arena. Da una parte, in una logica di contenimento dei costi, la Fondazione non dovrà più pagare i 482 mila euro annui di affitto per palazzo Forti, dall’altro potrà continuare la propria attività di diffusione del grande patrimonio culturale, musicale e artistico nelle sale messe a disposizione dell’amministrazione. La Gran Guardia, poi, grazie alla sua straordinaria posizione di fronte all’anfiteatro, diventerà sicuramente un punto di riferimento per le migliaia di spettatori che frequenteranno l’Arena. E attraverso l’attività museale, sarà possibile per la Fondazione generare nuovi ricavi”.

Veronaoggi.it è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075

Contatti

Pubblicità
Pubblicità