Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Verona: bracconiere cade nella rete dei Carabinieri forestali a Vestenanova

Nella giornata di Martedì scorso i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Tregnago, impegnati in un

bracconiereBardolino350servizio antibracconaggio in località Bolca del comune di Vestenanova, hanno sorpreso C.C., 55enne disoccupato residente in zona, intento a raccogliere i proventi dell’attività illecita di uccellagione da alcune reti di notevoli dimensioni collocate tra gli alberi di un frutteto. Per attirare il maggior numero di prede nella rete erano stati collocati a terra alcuni rami di Sorbo degli uccellatori, delle cui bacche la piccola avifauna va ghiotta. All’altolà dei militari l’uomo si è dato alla fuga ma, raggiunto non molto lontano, ha consegnato le carcasse di alcuni poveri volatili, tra i quali quattro pettirossi, una cinciallegra e un fiorrancino.

Nella successiva perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto, all’interno di un freezer, ulteriori esemplari di avifauna protetta: due picchi rossi, un picchio muratore, tre merli, una cincia mora, un fiorrancino, due capinere, tre cinciallegre, dieci pettirossi e un frosone. Solo un esemplare di verdone, ritrovato ancora vivo ed in salute rinchiuso in una gabbia, è stato prontamente liberato in natura.

L’uomo è stato deferito all’A.G. per esercizio dell’attività di caccia con utilizzo di mezzi di cattura di massa (due reti di lunghezza totale di diciassette metri ca. di lunghezza e due e mezzo di altezza) in violazione agli articoli 3, 21 lett. U) e 30 lett. E) della Legge n. 157 del 1992 (reato che importa la pena dell’arresto fino ad un anno o dell'ammenda da euro 774 a euro 2.065) nonché, in quanto privo di licenza di caccia, per furto venatorio in violazione agli articoli 624 e 625 n. 7 del Codice Penale (reato con pena della reclusione da due a sei anni e della multa da euro 927 a euro 1.500).

Le reti da uccellagione e l’avifauna sono state poste sotto sequestro.

Pubblicità